ItalianoEnglish

NUTRIRSI BENE

La qualità della carne è per noi un vero è proprio fondamento. Abbiamo a cuore la sana alimentazione dei nostri clienti, per questo motivo siamo attenti ed esigiamo che, in tutti gli allevamenti da noi controllati, gli animali vengano alimentati a secco, affinché la carne mantenga le sue proprietà nutritive, che sono molteplici e molto importanti per l’essere umano..

Infatti, la carne è ricca di potassio e povera di sodio, contiene molto fosforo e una discreta quantità di ferro e zinco. Il suo contenuto in vitamine consiste soprattutto in tiamina (B1), riboflavina (B2), niacina (PP), piridossina(B6), vitamina B12, vitamina A e D.
La carne vanta dunque un valore nutritivo di gran pregio. Il presupposto indispensabile per una dieta corretta ed equilibrata è il consumo di una ampia varietà di cibi, quindi, è un grosso errore colpevolizzare questo alimento ed escluderlo dalla propria alimentazione; tendenza, questa, manifestatasi negli ultimi anni.
Nella carne, come si è accennato, è presente una notevole quantità di proteine di alto valore biologico. Questo significa che le proteine della carne, in quanto proteine «animali», contengono in elevata quantità e in corrette proporzioni tutti gli aminoacidi (ossia i componenti di base che costituiscono le proteine) di cui l'organismo ha bisogno per le sue esigenze di costruzione e riparazione dei tessuti e per la sintesi di altre importantissime sostanze quali enzimi, anticorpi, ormoni, ecc.
In particolare, nelle proteine della carne sono presenti notevoli quantità di aminoacidi «essenziali», ossia di quegli aminoacidi che l'organismo non riesce a fabbricarsi da sé e che quindi deve obbligatoriamente ricevere dall'esterno, attraverso i cibi.
Nella carne, quindi, non solo troviamo rilevanti quantità di proteine, ma anche proteine di elevata qualità.

A questo proposito va sottolineato che nel nostro Paese per anni si è creduto che la parola «carne» fosse sinonimo di "carne bovina", e che i pregi nutritivi di quest'ultimo alimento fossero superiori a quelli delle altre varietà di carne. Questo pregiudizio, che oggi è stato solo in parte cancellato, è del tutto privo di fondamento: infatti, il valore nutritivo delle cosiddette "carni alternative" (pollo, tacchino, coniglio, maiale, ecc.) è perfettamente all'altezza di quello della carne di vitello e di vitellone, sotto tutti i profili, nessuno escluso.
Inoltre, il valore nutritivo della carne è determinato, oltre che dalla sua composizione chimica, anche dalla sua digeribilità, la quale rende facilmente biodisponibili per l'organismo le sostanze nutritive contenute nel prodotto. La carne è da considerarsi fra gli alimenti più facilmente digeribili.

Per tutti questi motivi, la carne, di qualità, è un prodotto che non può mancare sulle nostre tavole.